Sugar And Cakes

giovedì 4 agosto 2011

CROSTATA ALLA RICOTTA





Quando il Molino Chiavazza ha avvisato del nuovo contest: Mani in Pasta - Crostate e Crostatine ho pensato subito alla "Mia" crostata alla ricotta. Dico mia proprio perchè ogni volta che la faccio mi sorprendo per la sua bontà e sin dalla prima volta che l'ho fatta è sempre molto richiesta ed etichettata così. La base di questa crostata è quella che uso sempre per fare le crostate collaudatissima, utile per ottenere due basi, alla quale avevo dedicato un post a parte che trovate qua. Della ricetta originale di questa crostata alla ricotta non ne conosco la provenienza, ma mi ricordo che in essa veniva usata un altro tipo di base. Non lo ricordo, perchè questa è una ricetta che da tempo immemorabile avevo appuntato sulla mia agenda con tutte le modifiche apportate e in questi anni l'ho sempre fatta così. Beh non mi resta che spiegarvi come si fa.






INGREDIENTI (per due basi crostate):

4 uova

400 gr. di farina antigrumi Molino Chiavazza più quella che impasta

100 gr. di burro

200 gr. di zucchero semolato

1 bustina di lievito vanigliato per dolci


INGREDIENTI (per la crema per una crostata):

500 gr. di ricotta

2 uova

150 gr. zucchero a velo

150 gr. di gocce di cioccolato fondente


Come vi ho già detto questa ricetta serve per ottenere due basi crostate.

Una la farcite così e l'altra con la vostra fantasia, oppure raddoppiate la dose per la crema e ne ricavate due crostate alla ricotta.


Prepariamo la base

Versiamo la farina sul tavolo.



Aggiungiamo lo zucchero semolato.



Versiamo anche il lievito.



Mescoliamo il tutto con le mani e creiamo la fontana.

Nel centro apriamo le uova.



Iniziamo a sbattere le uova con la forchetta raccogliendo la farina ai lati.



Quando il composto inizia ad indurirsi spezzettiamoci sopra il burro leggermente intiepidito a temperatura ambiente, solo per alcuni minuti.



Iniziamo ad impastare il tutto con le mani, se necessario aggiungiamo altra farina un poco alla volta, fino ad ottenere un panetto morbidissimo, liscio ed omogeneo.




Lasciamolo riposare sul tavolo infarinato, giusto il tempo di preparare gli stampi da forno con la carta forno e di accendere il forno per il pre-riscaldamento a 180° ventilato.

Tagliamo una parte dell'impasto con un coltello, meno della metà.



Stendiamola leggermente sul piano infarinato e portiamola nello stampo, facendo attenzione perchè l'impasto è molto morbido.
Infatti a questo punto proseguiamo a stenderlo con le mani direttamente nella teglia, alzando un pochino i bordi.



Prepariamo la crema

In una ciotola riversiamo tutta la ricotta.



Lavoriamola leggermente con una paletta di legno.



Aggiungiamo lo zucchero a velo.



Usiamo questo tipo di zucchero, perchè non creerà grumi.

Lavoriamo bene con la paletta di legno, la ricotta fino ad ottenere una crema liscia.



Aggiungiamo un uovo alla volta e continuiamo a lavorare la crema.




Otterremo una crema densa, liscia ed omogenea.



Aggiungiamo le gocce di cioccolato.



Mescoliamo velocemente il tutto.




Prepariamo la crostata

Riversiamo la crema ottenuta sulla base nello stampo.

Livelliamo bene la superficie.



Tagliamo una piccola parte di impasto e stendiamolo sul piano infarinato.

Con l'aiuto di una rotella dentellata tagliamo le strisce necessarie per chiudere la crostata.


Andremo a chiuderla prima verticalmente e poi obliquamente, per ottenere una sorta di scacchiera.



Rimaneggiamo i ritagli di pasta avanzata ed andiamo a lavorarli per aggiungerli sul bordo della crostata, per chiudere così per benino il bordo.

Così come in foto.



Ora la nostra crostata è pronta per essere infornata.



Inforniamo a 180° ventilato, forno già caldo, per trenta minuti.

Una volta cotta lasciamola riposare cinque minuti nel forno con la porta aperta.

La nostra deliziosa crostata è pronta.



Lasciamola intiepidire nello stampo per una diecina di minuti e poi sformiamola delicatamente.

Non lasciatela raffreddare nello stampo altrimenti la carta forno inumidirà troppo la base della crostata, rovinandola e non riuscirete a sformarla.

Eccola qua, una crostata da leccarsi i baffi.







BUON APPETITO!!!

Partecipo al contest Molino Chiavazza


Etichette